Come ti pulisco facilmente… Materassi e guanciali!

Quando compri un materasso con i cuscini coordinati sai che potrai garantirti il giusto riposo e relax, ma non devi trascurare la manutenzione, necessaria per la massima igiene. I materassi e i guanciali possono ospitare acari della polvere, pelle morta, sporco e altri detriti, il che significa che devono essere puliti in modo regolare, in particolare se si soffre di allergie oppure quando ci sono bambini e animali domestici in casa.

In poche e semplici mosse potrai avere materassi e guanciali sempre come appena acquistati. Continua a leggere per scoprire i semplici passaggi da seguire che ti aiuteranno a mantenere la giusta sanificazione e dormire, così, sonni tranquilli.

Cura dei materassi e dei guanciali: gli attrezzi necessari

Mentre le lenzuola, coperte, piumini e altra biancheria per il letto vengono puliti con una certa regolarità, materassi e guanciali ricevono meno attenzioni e molte persone non sanno nemmeno come prendersene cura. In realtà, puoi anche autonomamente rendere la tua stanza da letto ben igienizzata e, quindi, più piacevole da vivere.

Del resto, occuparsi della pulizia del materasso e dei guanciali è d’obbligo, visto che assorbono polvere, sudore e allergeni, responsabili anche di sgradevoli odori e che influenzano in maniera inevitabile la salubrità della camera da letto.

Per pulire a fondo il materasso e i guanciali dovrai procurarti gli attrezzi giusti, ovvero:

  • aspirapolvere;
  • smacchiatore neutro per eliminare eventuali macchie;
  • bicarbonato di sodio;
  • acqua ossigenata;
  • panni puliti e non abrasivi.

Una volta raccolto tutto l’occorrente dovrai rimuovere lenzuola, federe, copri federe e copri materassi per poi lavarli in lavatrice selezionando il programma adatto. In genere questi tessuti sono realizzati in cotone 100%, per cui si prestano per sopportare i cicli lunghi ad alta temperatura. Lavare la biancheria da letto è il primo passo per sbarazzarti dagli acari della polvere. In alcuni casi, come verrà spiegato più avanti, potrai lavare in lavatrice anche i cuscini, avendo cura di controllare bene le indicazioni riportate sull’etichetta.

Pulizia del materasso: i passi da seguire

A questo punto ti ritrovi davanti ad un materasso che potrebbe presentare anche alcuni aloni e macchie. Cosa fare? Per prima cosa aspira la superficie utilizzando l’aspirapolvere con l’apposita spazzola per gli imbottiti. In questa fase dovrai prestare particolare attenzione alle cuciture, per evitare di danneggiare il rivestimento, e insistere lungo le fessure al fine di rimuovere gli strati di polvere nascosti.

Ora è arrivato il momento di concentrarti sulla rimozione delle macchie presenti sul materasso e questo vuol dire avere un po’ di pazienza, specie se si tratta di sporco vecchio e ostinato. Non dovrai mai inzuppare il tuo materasso di acqua, soprattutto se realizzato in memory foam, perché potresti compromettere la rigidità e la qualità del sostegno. Per questa ragione, sarà opportuno procedere con la massima cautela e preferire prodotti quanto più possibile di origine naturale.

In commercio trovi specifici smacchiatori vegetali che possono offrire buoni risultati, ma che non sempre riescono a rimuovere ogni tipo di macchia. Quando compri uno smacchiatore per materassi leggi sempre bene l’etichetta, spruzza il prodotto su un panno pulito, successivamente applica un po’ di acqua fredda e lascia agire per il tempo consigliato. Continua a ripetere il trattamento fino a completa rimozione dell’alone. In ogni caso, cerca di non inumidire eccessivamente il materasso. Questo metodo, solitamente, si rivela efficace in caso di macchie di sangue, sudore, urina e similari.

Altrimenti ti consigliamo di creare un detergente casalingo a base di acqua ossigenata e fredda, da miscelare in parti uguali. Questa soluzione fai da te in genere permette di smacchiare il materasso e di riportarlo come nuovo.

Finito il trattamento, la cosa migliore da fare è lasciare il materasso al sole in modo che possa asciugare naturalmente. Quando questo non è possibile dovrai ricorrere al bicarbonato di sodio e cospargerlo sul rivestimento del tuo materasso e poi lasciarlo agire almeno per una notte. Il bicarbonato di sodio assorbe l’eventuale umidità e i cattivi odori: più a lungo lascerai il bicarbonato di sodio sul materasso e migliori risultati otterrai!

In questa fase ti consigliamo di aprire finestre e porte della camera da letto per far circolare l’aria e far entrare anche la luce diretta. I raggi UV del sole permetteranno di contrastare la formazione di eventuali muffe o batteri sul materasso. Ora che il primo lato è tornato al suo originario splendore, capovolgi il materasso ed esegui lo stesso trattamento dalla parte opposta. Quando tutto il materasso sarà completamente asciutto, coprilo con il copri materasso pulito, indispensabile per rendere la futura pulizia più semplice e proteggerlo dallo sporco.

Pulizia dei guanciali: i passi da seguire

Proprio come il materasso anche il guanciale è si sporca facilmente. Alcuni preferiscono acquistare nuovi cuscini, nel momento in cui notano macchie o sentono cattivi odori. In realtà, la maggior parte dei cuscini si può pulire seguendo alcuni semplici passaggi, specialmente quelli con imbottitura sintetica. Prima di mettere un guanciale in lavatrice controlla sempre bene le istruzioni per il lavaggio presenti sull’etichetta, per evitare spiacevoli sorprese e di danneggiarlo in maniera irrimediabile

Lava non più due cuscini alla volta, assicurandoti che siano distribuiti uniformemente nel cestello della lavatrice. Se desideri puoi anche aggiungere un detersivo di origine vegetale e un cucchiaio di bicarbonato durante il ciclo, per eliminare aloni e cattivi odori. Scegli il programma adatto, a media temperatura. Risciacqua e centrifuga. Ora sei pronto per asciugare i tuoi guanciali all’aria aperta, adagiandoli sullo stendino o utilizzando l’asciugatrice. In quest’ultimo caso esegui brevi programmi a temperatura media, fino a completa asciugatura.

Cosa fare se i tuoi cuscini sono in memory foam? Immergerli in acqua non è una buona idea perché rischieresti di rovinare la struttura del materiale. In alcuni casi, tuttavia, questi guanciali sono provvisti di rivestimenti sfoderabili che potrai lavare senza problemi, sia a mano che in lavatrice. Prima dell’uso assicurati sempre che i cuscini non siano umidi, in quanto ciò può portare alla formazione di muffe e generare cattivi odori.

Pulizia del materasso e dei guanciali professionale: a chi rivolgersi?

Prendersi cura del materasso e dei cuscini non vuol dire solo migliorare la qualità del sonno e respirare meglio. Questa manutenzione, da eseguire almeno durante i cambi stagionali, allungherà anche la vita del materasso e dei tuoi guanciali.

Pulire materasso e cuscini non è molto complicato, ma richiede comunque tempo e attenzioni. La migliore soluzione è sempre quella di affidarsi a veri professionisti della pulizia, in grado di igienizzare a fondo materassi e guanciali realizzati con svariati materiali.

La pulizia professionale, come quella che viene eseguita da noi di RB ti permetterà di riposare in tutta sicurezza, in quanto vengono utilizzate tecniche all’avanguardia, solo da personale qualificato e con prodotti che rispettano l’ambiente.

Vuoi migliorare il comfort della tua camera da letto ed evitare lunghe e laboriose pulizie fai da te, che spesso non offrono i risultati sperati? Scopri i nostri servizi RB visitando il nostro sito https://www.rbservizi.net.

Continua a seguire il blog di RB: ogni settimana potrai scoprire curiosità, notizie, trucchi e consigli sul mondo della pulizia per rendere la tua casa o la tua azienda un posto immacolato, sotto tutti i punti di vista!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">HTML</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*