Come ti pulisco (e curo)… Le tende

Le tende ti permettono di arredare con gusto gli ambienti, ti offrono privacy e attenuano la luce, ma richiedono una pulizia periodica. Infatti, la polvere e gli acari che si accumulano specialmente sulle pieghe alla lunga possono anche costituire fonte di allergie. In realtà, nella maggior parte dei casi è sufficiente una veloce e semplice pulizia in lavatrice, a mano, oppure il lavaggio a secco un paio volte l’anno.

La pulizia a cura di un professionista è sempre la migliore soluzione, ma anche autonomamente potrai mantenere le tue tende in buono stato. In questo articolo ti spieghiamo come fare, tenendo conto anche della composizione del tessuto e, poiché siamo esperti nelle pulizie rispettose dell’ambiente, ti offriamo i giusti consigli senza dover usare prodotti chimici e aggressivi.

Pulizia giornaliera delle tende

Così come avviene per gli imbottiti, i divani e il resto dei tessili per la casa, anche le tende devono essere private della polvere. Questo ti eviterà di lavarle frequentemente. Basta eseguire una normale spolverata!

Quando usi l’aspirapolvere, ad esempio, ricorda di applicare l’apposito accessorio con setole morbide per la rimozione della polvere dai tessuti. Altrimenti sbatti le tende con un panno oppure utilizza una spazzola specifica per la stoffa. Se, nonostante tutto, continui a notare un certo grigiore dovrai passare allo step successivo.

Lavaggio delle tende

Oltre alla normale manutenzione giornaliera, dovrai ricordarti di lavare le tende all’occorrenza per eliminare sporco e cattivi odori. Sì, ma come fai a sapere se è possibile lavarle senza ricorrere a un trattamento professionale?

Esiste semplice trucco: basta testare il tessuto e il colore delle tende in un angolo vicino all’orlo e posizionando sopra un piccolo pezzo di cotone bianco leggermente inumidito. A questo punto stira l’area di prova: se il cotone si macchia questo vuol dire che il colore della tenda non è fissato correttamente.

Allora… Come procedere? Le tende non supportano il ciclo in lavatrice e devono essere trattate con un lavaggio a secco, dunque dovrai portarle in lavanderia. Quando, invece, il cotone resta bianco le tende possono essere pulite a mano o anche lavatrice.

Prima di cominciare, ricordati di rimuovere tutte le parti metalliche, come ad esempio ganci, occhielli e altri supporti che servono per appendere la tenda. Questo accorgimento eviterà che il tamburo della macchina possa danneggiarsi o sfilare e bucare il tessuto delle tende.

Per scegliere il programma di lavaggio e la temperatura adeguati, sarà necessario fare riferimento al materiale delle tende e alle raccomandazioni riportate sulle etichette. Fai attenzione anche alla percentuale di restringimento del tessuto. Solitamente i pannelli si riducono al massimo del 4% quando vengono lavati.

In tutti i casi si consiglia di scegliere un lavaggio a bassa temperatura, al massimo 30°, per evitare che il tessuto si possa restringere eccessivamente o danneggiarsi. Buona regola è anche quella di evitare la centrifuga e l’uso dell’asciugatrice, specie se la tenda è composta da fibre delicate quali lino o seta. Prima di avviare il programma proteggi le tende infilandole all’interno di una federa del cuscino o in un copri piumino. Questo accorgimento è indispensabile quando le tende presentano ricami, ornamenti o altre applicazioni come perline.

Nel caso di tende in taffettà, velluto, acetato e nylon preferisci il lavaggio a mano. Come? Semplicemente immergendo la tenda all’interno della vasca da bagno, strofinando delicatamente con sapone di Marsiglia, ma ricordanti di non lasciarle immerse troppo a lungo. L’acqua salata è un buon rimedio se temi che le tue tende possono sbiadire. Quando invece vuoi ravvivare il colore delle tende lavale con acqua e aceto bianco.

Altri consigli utili da seguire

Nonostante tutti i tuoi sforzi le tende sono ancora opache? Se ti sembrano grigie o spente puoi sempre fare affidamento sui rimedi della nonna e usare l’amido.

Immergi le tende in una vasca o in una grande bacinella assieme all’acqua e a un bicchiere di polvere di amido. La buona notizia è che l’amido, oltre a essere completamente naturale, è un ottimo rimedio per preservare le tende e proteggerle dalla polvere.

Specialmente in caso di tende bianche che diventano gialle nel tempo puoi dare loro quel tocco di brillantezza adottando delle soluzioni naturali. Quando selezioni il lavaggio in lavatrice aggiungi un po’ di lievito assieme al detersivo e questo ti permetterà di ottenere un tessuto luminoso.

Nel caso di tende delicate lava in acqua tiepida e succo di limone. Basta un limone per ogni litro d’acqua. Non dimenticare anche l’efficacia del bicarbonato di sodio, un vero e proprio alleato per la lucentezza delle tende: usa una tazza di bicarbonato per ogni 10 litri di acqua.

Stiratura delle tende

In tanti casi puoi evitare di stirare le tende, specie quelle di cotone, appendendole direttamente sull’asta e lasciando che il peso del tessuto umido rimuova ogni piega. Nel caso di tende in poliestere, quando escono dalla lavatrice accartocciate, potrai prendere in considerazione la stiratura, ma fai attenzione alle temperature troppo alte: potresti bruciare la fibra sintetica con il ferro eccessivamente caldo. Tende di taffetà o velluto si stirano quando sono leggermente umide e dal retro.

Lavaggio delle tende professionale

Può succedere che qualcosa vada storto quando ti prendi cura delle tue tende. Capita spesso che una tenda si restringa leggermente dopo il lavaggio, circa un paio di centimetri su un’altezza di un metro. In questo caso puoi compensare posizionando i ganci opportunamente e appendendo le tende un po’ più in basso.

In alcuni casi le tende si possono danneggiare irrimediabilmente, perché non sono state seguite correttamente le istruzioni per il lavaggio o quel determinato tessuto potrebbe essere non adatto per il trattamento in lavatrice.

Se non vuoi lavare da sola le tende, sia a mano che in lavatrice, non conosci il materiale e sospetti che sia molto delicato, o se semplicemente non hai il tempo, puoi sempre delegare la pulizia delle tende a un professionista del settore.

In questo caso, non esitare a chiedere i prezzi in diversi lavasecco prima di sceglierne uno, perché a volte il costo varia sensibilmente da un posto all’altro. Il lavaggio a secco alla fine potrebbe rivelarsi una soluzione non molto economica, ma l’esborso può essere comunque affrontato in considerazione della frequenza limitata di lavaggio delle tende. In molti casi basta lavarle una o due volte all’anno, sempre se si esegue la manutenzione di base e non si vive in una strada troppo trafficata, in una zona di mare oppure in cui c’è un’alta concentrazione di smog. In tanti casi il lavaggio professionale si rende necessario perché le tende sono abbastanza voluminose e non entrano in lavatrice.

Ma… Niente panico! Noi di RB, impresa di pulizia attiva su Mariano Comense e zone limitrofe, sappiamo bene come trattare le tue tende e farle ritornare fresche e splendenti, facendoti risparmiare tempo e denaro. La cura e il lavaggio delle tue tende, realizzate con qualsiasi tessuto e anche quello più delicato, verranno eseguiti da mani esperte, utilizzando solo prodotti e tecniche che rispettano l’ambiente. Scopri tutti i servizi RB visitando il nostro sito https://www.rbservizi.net/.

Continua a seguire il blog di RB: ogni settimana potrai scoprire curiosità, notizie, trucchi e consigli sul mondo della pulizia per rendere la tua casa o la tua azienda un posto immacolato, sotto tutti i punti di vista!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">HTML</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*