Casa pulita e igienizzata: ecco perché dovresti togliere le scarpe

Molti giapponesi mangiano a terra sui tatami e dormono su futon che vengono srotolati di notte; per loro è perfettamente normale tenere le calzature davanti alla porta. Questa è un’abitudine diffusa soprattutto nei paesi asiatici, ma anche in tante altre parti del mondo non si entra in casa prima di aver sfilato le scarpe. Tuttavia è interessante notare che gran parte delle famiglie italiane non si preoccupa di questo aspetto.

Gli studi scientifici sul punto sono chiari. Quello che viene raccolto sotto le suole sono prevalentemente germi e sporcizia che si depositeranno a loro volta sui pavimenti, situazione a cui prestare la massima attenzione soprattutto quando in casa vivono bambini e animali.

Quali batteri entrano in casa?

In tanti paesi nel mondo esiste l’usanza di entrare in casa propria e altrui indossando solo i calzini oppure delle ciabatte apposite. Questa semplice abitudine non migliora solo il livello di igiene all’interno delle mura domestiche, ma anche lo stato di benessere complessivo.

Occorre anche considerare che le scarpe entrano inevitabilmente a contatto con polvere, fango, detriti, escrementi di animali e altre sostanze indesiderate che diventano terreno fertile per i batteri. Il fondo delle calzature è decisamente più sporco di un water e secondo una ricerca condotta dall’Università di Houston i coliformi, che sono universalmente presenti nelle feci, si trovano sul 96% delle suole.

I batteri che si annidano nelle suole e tomaie vivono più a lungo che altrove. La ragione sarebbe dovuta al fatto che nelle scarpe si verifica un continuo accumulo di nuovi batteri, situazione che alimenta la crescita di questi microrganismi in modo continuo. All’interno delle suole si trasferiscono anche tutta una serie di sostanze tossiche derivate dai prodotti chimici, come quelli usati per la cura delle aree verdi o la disinfestazione dei luoghi pubblici.

La probabilità di trasferire nei pavimenti di casa quello che si trova nelle suole è del 90%. Il dato sale al 99% nel caso in cui vengono calpestati i tappeti e la moquette. Numerosi test hanno infatti dimostrato che batteri, funghi e virus presenti sul fondo delle scarpe non spariscono consumando la suola, ma si aggrappano a questa come ventose, per poi essere rilasciati sui rivestimenti in ceramica, legno e parquet di casa.

Togliere le scarpe per il massimo relax

Lasciare le scarpe fuori la porta di casa equivale a staccare con il mondo esterno e a concedersi finalmente il meritato riposo, senza più caos e rumori. Senza calzature sarà possibile sdraiarsi sul divano e stendersi sul letto per un breve riposo, oltre che camminare liberamente evitando i fastidi dei tacchi e la compressione dei lacci.

I piedi, del resto, rappresentano quella parte del corpo che ci connette con la terra e senza scarpe possono respirare, in modo da ripristinare l’equilibrio fisico e mentale. Camminando a piedi nudi, inoltre, verrà stimolata la circolazione, alleviati i gonfiori alle caviglie e scaricate le tensioni accumulate durante la giornata.

La nostra abitazione è un luogo intimo in cui rifugiarsi dopo una giornata faticosa e stare insieme ai propri cari. Quando invitiamo gli ospiti e si rimane senza scarpe non si farà altro che creare una condizione di maggiore intimità e trasmettere un piacevole senso di accoglienza. All’inizio qualcuno potrebbe avvertire un senso di disagio, visto che in Italia non siamo molto abituati a rimanere senza scarpe quando facciamo visite, ma una volta superata la fase di imbarazzo tutto diventerà molto gradevole. Intanto chi abita in un condominio farà cosa gradita ai vicini, che apprezzeranno di certo la quiete che si crea camminando senza scarpe.

Altri buoni motivi per togliere le scarpe in casa

Smettere di indossare le calzature quando si rimane in casa non è solo una questione di igiene e di benessere psicofisico. Adottando costantemente questa piccola abitudine si evita anche di usurare i pavimenti e i tappeti, specie quelli in legno e particolarmente delicati. Inoltre calpestare i rivestimenti con le scarpe sporche costringe a ripetute pulizie, all’uso di maggiori detergenti e quindi ad un dispendio di tempo, denaro e fatica.

Ricordarsi di togliere le scarpe prima di varcare la porta di casa è anche un segno di rispetto per i nostri ambienti, calzature comprese. Infatti in questo modo si avrà anche il tempo necessario da dedicare alla pulizia delle suole e alla lucidatura della tomaia, così da sfoggiare un look impeccabile il giorno seguente e far durare più a lungo le calzature.

Cosa è possibile fare per una casa più sicura e pulita?

Naturalmente la prima cosa da fare è cominciare a mettere in pratica l’abitudine di togliere le scarpe all’ingresso di casa. All’inizio è facile dimenticarsi di compiere questo piccolo gesto, per cui potrebbe essere utile creare un piccolo angolo davanti alla porta in cui riporre le calzature e indossare comode ciabatte.

Quando si dispone di spazio a sufficienza si può anche posizionare una panca a più ripiani, in cui sedersi per rimuovere le scarpe sporche per mettere le pantofole con le suole pulite. Buona regola è anche incoraggiare gli ospiti a fare lo stesso. Un modo per accogliere al meglio chi ci viene a trovare potrebbe essere quello di predisporre una scarpiera o una cesta contenente le ciabatte per gli ospiti, in modo da vivere gli ambienti domestici in assoluta libertà e non sporcare i pavimenti.

Ambienti più puliti senza usare le scarpe

Come visto i vantaggi che derivano dal togliere le scarpe indossando pantofole sono davvero tanti e anche i pavimenti rimarranno puliti a più a lungo. Diversamente sarà necessario occuparsi dei rivestimenti in maniera accurata, utilizzando detergenti specifici e trattamenti a base di vapore per eliminare a fondo germi e batteri. Quando in casa si cammina solo con le ciabatte anche i bambini e gli animali domestici possono giocare tranquillamente e rotolare sul pavimento.

Del resto anche Al Franken ha detto che “È più facile mettere le pantofole che ricoprire il mondo intero di tappeti”. Altrettanto semplice è rivolgersi ad una ditta specializzata in pulizie professionali che possa rendere gli ambienti splendenti e igienizzati, dopo che sono stati contaminati dal calpestio delle calzature.

Vuoi avere una pulizia del tuo appartamento con risultati impeccabili, in breve tempo e al giusto prezzo? Scopri subito i nostri servizi RB visitando il nostro sito https://www.rbservizi.net.

Continua a seguire il blog di RB: ogni settimana potrai scoprire curiosità, notizie, trucchi e consigli sul mondo della pulizia per rendere la tua casa o la tua azienda un posto immacolato, sotto tutti i punti di vista!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">HTML</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*